Cos'è l'ossigeno-ozono terapia

Descrizione

207 views marzo 5, 2016 progettOzono 4

L’ Ossigeno-Ozono terapia consiste nell’uso di una miscela di Ossigeno (O2) ed Ozono (O3) per scopi terapeutici. L’Ozono -forma triatomica dell’ossigeno- è prodotto, al momento della sua somministrazione, attraverso una macchina dotata di un elettrodo in grado di produrre una scarica elettrica appropriata. Per la sua natura la miscela O2O3 ha la tendenza a ritrasformasi in ossigeno biatomico e ossigeno “singoletto”.

Ciò avviene, in relazione alla temperatura, dopo alcune decine di minuti, quando l’Ozono inizia a ritornare Ossigeno. Quindi essendo l’Ozono un gas fortemente instabile, per essere utilizzato in medicina alle giuste dosi, deve essere prodotto al momento dell’uso e non può essere né conservato né trasportato. Per questo motivo non è possibile trovare in commercio fiale già pronte di Ozono. Tutto ciò impone l’uso di apparecchi (dispositivi medici) estremamente precisi e dotati di strumenti di misura che monitorano continuamente la concentrazione. I trattamenti devono avvenire secondo procedure codificate e utilizzando strumentazioni medicali che rispondano a norme CE.

La miscela di Ossigeno ed Ozono svolge le sue diverse azione secondo diverse concentrazioni decise sulla base della patologia da trattare. Esistono svariate tecniche con cui si può somministrare l’Ozono, raggruppabili in due grandi gruppi trattamenti locali e quelli sistemici.

Sono trattamenti che agiscono a livello generale, cioè sistemico, la via endovenosa, la via insuflativa e la via intra muscolare. La via endovenosa utilizza un prelievo di circa 100 cc sangue dal paziente che viene unito all’Ossigeno-Ozono ed immediatamente re-infuso al medesimo paziente. La via insuflativa prevede la somministrazione della miscela attraverso un orifizio naturale. L’effetto sistemico per via intramuscolare,invece, è ottenuto attraverso un piccolo prelievo di sangue (circa 10 cc.) che viene miscelato con ossigeno ozono e somministrato attraverso una iniezione intramuscolare, solitamente nel gluteo.

La tecnica locale prevede infiltrazioni di ossigeno-ozono per via intradiscale, intramuscolare, sottocutanea, peri-tendinea, intra e peri-articolare e tramite sacchetti o ozonobag.

La ossigeno-ozono terapia, grazie al noto effetto antinfiammatorio, antibatterico, antivirale, antimicotico, migliorante la circolazione periferica e stimolante il sistema immunitario è stato studiato in centinaio di lavori scientifici e trova impiego in numerose specialità mediche.

 

Progetto Ozono!